L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita

Autore: Alessandro D’avenia

Casa Editrice: Mondadori

 

Il libro trattato oggi è secondo me un’opera molto interessante che affronta e tratta argomenti allo stesso tempo complessi quanto fondamentali per l’intera esistenza umana.
L’uomo si è da sempre posto dei quesiti apparentemente irrisolvibili che caratterizzano ogni fase della crescita dell’individuo, dall’adolescenza fino alla maturità. L’autore, nel corso di tutta l’opera, pone al lettore e si auto pone a sua volta questi quesiti, cercando di offrire non tanto una soluzione o una risposta semplicistica quanto degli spunti di riflessione decisamente profondi e interessanti.
L’arte di essere fragili si propone, in questo senso, come una delle opere più profonde del nostro tempo con temi per niente futili come la felicità, l’insoddisfazione, la volontà di affermarsi, la stabilità interiore e la propensione a socializzare, trattati da un punto di vista totalmente innovativo.

L’autore, infatti, ha strutturato il libro come un’opera epistolare che propone uno scambio di battute con uno degli autori in assoluto più legati con questi temi: Giacomo Leopardi.
Il tutto è reso in maniera molto interessante e offre lo spunto per analizzare il proprio io interiore, supportati dal “parere” del poeta forse più sensibile a questo tipo di argomenti.

La struttura dell’esistenza umana

L’arte di essere fragili è suddiviso in quattro parti basate su quelle che sono le quattro fasi principali dell’esistenza umana:

  • L’adolescenza, o arte di sperare
  • La maturità, o arte di morire
  • La riparazione, o arte di essere fragili
  • La morte, o arte di rinascere

All’interno di ogni singola sezione l’autore affronta i temi introducendo anche spezzoni e estratti di opere più o meno famose di Leopardi spaziando da “La ginestra e il fiore nel deserto”, “L’infinito”, “Lo Zibaldone” e tanti altri scritti.
Ciò che mi ha colpito fin da subito di questo libro è il fatto che la prima parte, vale a dire quella dedicata all’adolescenza, occupi praticamente quasi la metà dell’intera opera, come a voler sottolineare l’importanza di questa delicata e profonda fase dell’esistenza umana.
Come lo stesso D’avenia afferma, infatti, “gli adolescenti non pongono domande, sono domande” e attraverso la loro fame di conoscenza iniziano a conoscere e comprendere il mondo alimentati dalla speranza e dalla volontà di dare una risposta a quelli che sono i propri interrogativi.

Dopo questa fase iniziale subentra la maturità che va praticamente di pari passo con la fase di riparazione.
Durante questa precisa fase, infatti, l’uomo acquisisce consapevolezza dei suoi limiti e delle sue paure comprendendo quanto tutto ciò che lo circonda e lo caratterizza è destinato a finire e morire presto o tardi.
Tuttavia questo non deve essere inteso come un qualcosa di negativo e vissuto in maniera passiva nell’attesa che tutto scorra inesorabilmente ma, anzi, l’adulto deve rappresentare un punto di riferimento e una guida positiva in grado di direzionare l’adolescente verso quella che è la sua strada, aiutandolo a comprendere quale sia l’importanza dell’arte di essere fragili con tutti gli aspetti innegabilmente necessari che questo comporta.
Infine la morte è quella che chiude il ciclo e proprio per questo deve essere vissuta come una rinascita che porta a compimento un percorso di vita affrontato in maniera coscienziosa e sapiente.

Lettura consigliata

Come abbiamo potuto vedere, L’arte di essere fragili affronta dei temi che possono risultare in alcuni casi anche complessi ma che rendono questa una lettura davvero degna di essere presa in considerazione.
Il consiglio è quello di aprire bene la mente prima di approcciarsi con questo testo e non affrontarlo con eccessiva superficialità, in quanto si rischia di non comprendere fino in fondo i vari messaggi racchiusi tra le oltre 200 pagine di questo meraviglioso libro.
Il genere è adatto, come si evince anche dalle varie “sezioni” a tutte le fasce d’età che vanno dall’adolescenza fino all’età adulta con temi che, in entrambi i casi, possono aiutare nel processo di analisi e riflessione su quelli che sono gli aspetti fondamentali della propria vita in generale.

Acquista qui L’arte di essere fragili:

 

Potrebbe interessarti anche:

Federico Capuano

Autore e Collaboratore presso diverse redazioni online in particolare mi occupo di scrittura e copywriting con revisione e stesura di testi in ottica SEO. Scrivo praticamente da quando ne ho memoria e grazie a tanto impegno, dedizione e continui miglioramenti sono riuscito a rendere la mia passione un lavoro.

More Posts - Website

About the Author

Federico Capuano
Autore e Collaboratore presso diverse redazioni online in particolare mi occupo di scrittura e copywriting con revisione e stesura di testi in ottica SEO. Scrivo praticamente da quando ne ho memoria e grazie a tanto impegno, dedizione e continui miglioramenti sono riuscito a rendere la mia passione un lavoro.

Be the first to comment on "L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*